CORSI PER AZIENDE

Il vostro business sta diventando sempre più efficiente e nel frattempo noi stiamo migliorando la vostra conoscenza della lingua.

L’insegnamento può svolgersi sia con un ritmo standard sia con un ritmo intensivo in funzione ai vostri obiettivi. Le lezioni possono svolgersi in gruppo oppure individualmente. Qualora sia necessario è possibile avere più lezioni con l’insegnante madre lingua.

Il corso è adatto a chi:

  • ha intenzione di avviare o sta già sviluppando business con partner italiani o europei;
  • presta servizi o fa forniture in Italia o nei Paesi dell’UE;
    ha una società mista italo-ucraina o lavora nella filiale di un’azienda italiana;
  • sta realizzando attività senza scopo di lucro o per beneficenza, oppure collabora con delle organizzazioni no profit in Italia.

Corpo docenti

Solo docenti qualificati lavoreranno con voi. Per migliorare l’efficienza dell’apprendimento, un insegnante professionista madrelingua condurrà le lezioni.

Studiando con degli esperti la cui madrelingua è l’italiano, riuscirete a capire meglio le peculiarità della lingua e a perfezionare la vostra pronuncia.

Formato

L’orario delle lezioni e la durata del corso vengono elaborati in funzione alle vostre esigenze e possibilità di essere presenti alle lezioni.
I corsi sono sviluppati per ogni livello di competenza linguistica da A1 a C2.

Il programma didattico del corso viene predisposto sulla base delle vostre esigenze e obiettivi. Il programma didattico comprenderà il lessico e le terminologie relative alle tematiche utili per voi, tra cui anche il gergo professionale.

La lingua italiana arricchisce le vostre possibilità di fare business.

Parlando in italiano troverete agevolmente i fornitori dei prodotti in Italia e nei Paesi dell’UE, riuscirete a mettervi d’accordo sulle condizioni più favorevoli di cooperazione. Un produttore che parla italiano si troverà più agevolato nel creare il data base dei clienti.

Gli impiegati delle imprese miste italo-ucraine si troveranno più a loro agio nelle comunicazioni tra i reparti italiani e si eviterà la mancanza di comprensione legata alla “difficoltà di traduzione”.